12 traslochi: Alice Merton una vita tra gli scatoloni

12 traslochi in 24 anni

Traslocare molte volte ti cambia la vita, questo è quello che vuole far comprendere Alice Merton con il suo  “No Roots” un tormentone malinconico, autobiografico e ballabile. Questa giovane ha passato ben 12 traslochi in appena 24 anni di vita. La sua canzone ripercorre come in un  pellegrinaggio quei dodici momenti di vita passati a guardare gli addetti di un’azienda di traslochi come traslochi a Milano intenti a caricare le sue cose più care.  Dopo la pubblicazione nel 2016, il successo è arrivato anche dall’Europa e alla fine dello scorso anno, ha  conquistato anche  gli Stati Uniti; Alice totalizza ben 70 milioni di visualizzazioni su Youtube.

Malinconia

Alice che è di origine tedesca si racconta cosi: «L’idea dietro la canzone, per me, era molto deprimente. Avevo realizzato di non avere una casa. Non avevo un posto che mi facesse sentire così, era tutto molto triste, mia madre aveva sempre pronti due scatoloni e a ogni trasloco mi diceva: “Le cose che vuoi tenere le metti in questo, quello che sta nel altro lo buttiamo, Volevo che la canzone fosse una liberazione e che avesse un ritmo divertente. Quando la eseguo da sola è molto malinconica, ma quando la suono con tutta la band ti carica. Mette in mostra i due lati di non avere radici».

Traslocare può davvero essere un dolore a volte

Alice nel suo brano affronta un tema davvero strano ma carico di verità; un trasloco o tanti traslochi come è capitato a eli possono cambiare la tua vita, farti sentire solo e inadeguato, tagliato fuori, non hai radici e non hai certezze; il brano è davvero toccante; in effetti pensandoci 12 traslochi in 24 anni sono davvero tanti, Alice mette in evidenza come una cosa ritenuta banale sia invece qualcosa che provoca un dolore profondo. Un senso di solitudine e di incertezza che segna la crescita serena di qualunque bambino.

Releated Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *