Animali infestanti: cosa fare per proteggere le abitazioni

Fenomeno preoccupante

La presenza dei topi in molte città italiane soprattutto nelle frazioni e nelle periferie è molto aumentata nell’ultimo periodo; una situazione alla quale ormai bisogna fare fronte sia a livello pubblico che privato. La presenza di animali infestanti oltre che essere fastidiosa è anche pericolosa, alcun specie di animali sono anche veicolo di infezioni e malattie.

Fattori di aggravamento delle infestazioni

I fattori di proliferazione delle colonie di animali infestanti e facciamo preciso riferimento ai topi sono  da imputare principalmente alle condizioni di benessere delle comunità umane, i rifiuti sono l’attrattiva primaria che fa in modo che i topi si insediano in modo stabile e si riproducono; il cibo non manca, e questo è dovuto anche ai metodi di raccolta che benché siano organizzati contemplano sempre un periodo di sosta nei raccoglitori a bordo strada, questo fa si che i i topi possono trovare sostentamento.

Dal centro città alla periferia

Le colonie di topi si stanziano sia nei centri città che nelle periferie e nelle frazioni, ma l’incidenza maggiore si riscontra nelle frazioni, e mano a mano che le colonie di ratti aumentano di numero oltre che creare le tane all’esterno degli edifici i topi si insediano anche nelle case, nelle cantine, nei semiinterrati e nei solai e facendo dei raid periodici anche negli appartamenti con grande pericolo per gli abitanti, soprattutto per i bambini piccoli  e gli animali domestici. Per tutelare le proprie case, anche se ogni Comune pratica interventi di disinfestazione e controllo sulle colonie di animali infestanti è richiedere un servizio privato per liberare il proprio appartamento da eventuali topi; le aziende che offrono questo servizio sono sempre formate da professionisti come ad esempio  www.derattizzazioneroma.cloud un pronto intervento efficace che vi consentirà di tornare a dormire sonni tranquilli nelal vostra casa senza la presenza di visitatori sgraditi.

Releated Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *