Organizzare il trasloco al meglio: guida pratica con tutti i dettagli

Come gestire nel migliore dei modi il vostro trasloco?

Il trasloco è senza dubbio un evento stressante in cui ci si fa facilmente prendere dalla preoccupazione. Pertanto, quando arriva il momento di dover traslocare, è di fondamentale importanza farsi trovare preparati.

Per non farvi prendere dal panico e per farvi realizzare il vostro trasloco senza preoccupazioni, vi diamo alcuni utili consigli da seguire. È necessario eseguire con cura ogni singola fase e gestire al meglio il tempo che avete a disposizione.
Innanzitutto, per scaricare tutta la tensione accumulata, è bene concepire il trasloco come un evento positivo, una nuova partenza, una nuova avventura e non farsi prendere dalla nostalgia dei ricordi che vi evoca la vostra vecchia casa che state per lasciare.
Ciò vi permetterà di vivere questo momento con maggior tranquillità e vi consentirà di poter organizzare il trasloco con minor stress.

Per tenere sotto controllo la situazione, può essere molto utile stilare un inventario, scrivere una lista di tutto ciò che vi occorre e di tutto ciò che va fatto di volta in volta. Scrivete anche una lista di tutto quello che non volete portare nella vostra nuova casa. Il trasloco può essere anche una buona occasione per poter ripulire la casa dai vecchi oggetti inutili e ingombranti. Gettare gli oggetti superflui è importante non solo per rendere più semplice la gestione del trasloco ma anche per risparmiare tempo, denaro e fatica.

Una buona idea è quella di affidarsi alle mani esperte di una ditta di traslocatori. Vi saranno di aiuto nel delicato compito di montaggio e smontaggio dei mobili. È bene farsi fare un preventivo da almeno tre imprese di trasloco, già un paio di mesi prima. In questo modo potrete confrontare le varie opportunità e scegliere quella che fa al vostro caso.

Il trasloco fai da te, invece, è senza dubbio la soluzione più economica ma risulta essere anche la più stressante. Per affrontarlo nel migliore dei modi, è dunque fondamentale tenere ben presenti alcuni accorgimenti.

Innanzitutto è indispensabile partire ben equipaggiati e procurarsi anticipatamente tutto l’occorrente. Concentratevi soprattutto sull’acquisto di scatoloni per l’imballaggio di varie dimensioni, di nastro adesivo per l’imballaggio degli oggetti e dei complementi di arredo e pellicola estensibile da imballaggio per proteggere gli oggetti più delicati e per i traslochi che prevedono spedizioni di pacchi. Quest’ultima può anche essere utilizzata per l’imballaggio dei mobili, soprattutto per proteggerli dall’umidità, in quanto è disponibile in diverse grandezze. Tutto materiale acquistabile in un unico blocco sul sito Poliplast (imballaggi per trasporto).

Inoltre, per il trasporto di oggetti molto delicati e fragili, è utile procurarsi fogli di vecchi giornali. Con essi potete infatti riempire i vuoti nelle scatole in maniera tale che gli oggetti non si muovano durante il trasporto e vengano protetti da eventuali urti.

Se vi affidate a una ditta di traslochi, potete affittare gli scatoloni adatti a qualsiasi tipo di materiale. Gli scatoloni non sono difficili da reperire ma non sono sempre economici. Per risparmiare potete iniziare a mettere da parte tutti gli scatoloni di cui disponete con molto anticipo. Potete anche trovarli in supermercati, librerie, bar e ristoranti o potete chiederli anche ad amici e familiari. Per gli oggetti fragili come i piatti e i bicchieri, è invece consigliabile l’utilizzo di polistirolo.

Un altro consiglio è quello di usare penne e pennarelli per scrivere chiaramente cosa contengono gli scatoloni e poterli quindi identificare meglio una volta chiusi. A tale scopo potete anche usare delle apposite etichette per gli scatoloni. Ricordatevi di etichettare ogni scatola per poter poi sistemare il tutto nel nuovo appartamento con più facilità. È bene disporre gli scatoloni secondo un ordine ben preciso: i più pesanti è meglio collocarli in basso, sotto quelli più leggeri, e quelli contenenti gli oggetti più fragili, invece, disponeteli sopra tutti gli altri.

Altri consigli utili per fare un trasloco

Iniziate ad impacchettare prima del tempo tutti gli oggetti che non sono di uso quotidiano e dedicate una stanza della casa al deposito delle scatole già pronte.
Se vi siete rivolti a una ditta di traslochi, comunicate loro se nella nuova casa ci sono delle scale o degli ascensori per il trasporto degli scatoloni e dei mobili.

Durante il trasloco potrebbe capitare che alcuni oggetti vengano danneggiati. In tal caso, per coprire i danni provocati da questi tipi di incidenti, le ditte di trasloco dispongono di un’assicurazione. Pertanto, nel caso si dovessero verificare danneggiamenti di oggetti durante il trasporto, si suggerisce di comunicarlo tempestivamente alla ditta e di fotografare, prima e durante lo smontaggio, gli oggetti e i mobili delicati e preziosi, in maniera tale da esibire le foto come prova. Inoltre, supervisionate tutto il lavoro assicurandovi che tutti gli oggetti siano trasportati e posizionati con cura.

Oggetti da non dimenticare durante il trasloco

Durante il trasloco, con la formula fai da te, spesso ci si dimentica di qualche oggetto. Il giorno del trasloco è di fondamentale importanza controllare per bene di non aver dimenticato nulla in nessuna stanza della vostra vecchia casa. Ecco una lista delle cose che non bisogna dimenticare il giorno del trasloco:

  • kit di sopravvivenza da trasloco da tenere in macchina con voi. Deve contenere una cartellina con tutta la documentazione necessaria tra cui il contratto stipulato con la ditta di traslochi e i documenti personali più importanti, le medicine di tutti i membri della famiglia, cerotti, alcool o acqua ossigenata e del cotone idrofilo, cambio di abiti, asciugamani, lenzuola pulite e un set di attrezzi basilari;
  • sacchi resistenti per la spazzatura perché traslocare comporta la produzione di una grande quantità di rifiuti;
  • detergenti e spugne per pulire di volta in volta le superfici che svuotate. In questo modo, velocizzerete il vostro trasloco;
  • lampadine e lampade da terra. Non sempre nella nuova casa ci sono già lampadari o lampadine montate, pertanto è sempre meglio procurarseli prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *